immagine_rss
Scelta lingua: RU Scelta lingua: RO Scelta lingua: PL Scelta lingua: EN Scelta lingua: IT_off

UTILIZZO DEI COOKIES

Al fine di rendere i propri servizi il più possibile efficienti e semplici da utilizzare, questo Sito fa uso di cookies.

Pertanto, quando si visita il Sito, viene inserita una quantità minima di informazioni nel dispositivo dell'Utente, come piccoli file di testo chiamati "cookie", che vengono salvati nella directory del browser Web dell'Utente.

Esistono diversi tipi di cookie, ma sostanzialmente lo scopo principale di un cookie è quello di far funzionare più efficacemente il Sito e di abilitarne determinate funzionalità.

Questo sito non fa uso di cookies per scopi pubblicitari o di profilazione dell'utenza, bensì utilizza soltanto cookies di tipo tecnico.

I cookie tecnici sono utilizzati per migliorare la navigazione globale dell'Utente. In particolare:

  • misurano l'utilizzo dei servizi da parte degli Utenti, per ottimizzare l'esperienza di navigazione e i servizi stessi;
  • sono necessari per il corretto funzionamento di alcune aree del sito;
  • comprendono sia cookie persistenti che cookie di sessione.

In assenza di tali cookie, il sito o alcune porzioni di esso potrebbero non funzionare correttamente. Pertanto, vengono sempre utilizzati, indipendentemente dalle preferenze dall'utente. I cookie tecnici vengono sempre inviati dal dominio.

L'unico cookie di terze parti è di Google, di tipo PREF (Preferenze), e serve esclusivamente a memorizzare le preferenze dell'Utente riguardo ai risultati della ricerca incorporata nel sito.

Il Titolare non è tenuto a richiedere il consenso dell'utente per i cookie tecnici, poiché questi sono strettamente necessari per la fornitura del servizio.

Argomento:     

18.10.2013 - Come aprire un negozio di alimentari

Le ultime ricerche dimostrano che gli italiani cominciano a fare la spesa sottocasa. Che, nella pausa pranzo, hanno ripreso, come decenni fa, a portarsi il pranzo da casa. Utile forse in questi momenti avere a disposizione, nelle vicinanze dell’abitazione e del luogo di lavoro, un piccolo negozio di alimentari. Dopo aver esaminato il video della camera di commercio vediamo in concreto quali sono i passi da compiere per l’apertura di un negozio di alimentari.

PRIMO PASSO

Come sempre stabilire come si vuole operare: imprenditore individuale, impresa familiare, società?

SECONDO PASSO

Iscrizione presso il Registro delle Imprese.

TERZO PASSO

Segnalazione certificata inizio attività produttiva ad effetto immediato con la compilazione del

  • MODELLO A se di tratta di un nuovo negozio o della sua trasformazione e delle schede tecniche 1 e 2
  • MODELLO B se si tratta di un subentro in un negozio esistente e della scheda tecnica 2

presso il Comune, avvalendosi del "SUAP telematico"

REQUISITI

Per aprire un esercizio commerciale nel settore alimentare o un bar, un ristorante o, in genere, per esercitare un'attività di somministrazione di alimenti e bevande, non occorre l'iscrizione al Rec (abolito definitivamente con legge 248/06), ma è necessario rivolgersi ai Comuni, che hanno il compito di accertare i requisiti morali e professionali per autorizzare questi tipi di attività. Quali sono questi requisiti?

  • essere in possesso di un diploma di scuola alberghiera o titolo equivalente legalmente riconosciuto;
  • aver frequentato con esito positivo uno specifico corso professionale;
  • aver prestato la propria opera, per almeno due anni nell'ultimo quinquennio, presso imprese esercenti l'attività specifica di commercio di prodotti alimentari o somministrazione di alimenti e bevande, in qualità di dipendente qualificato addetto, oppure, se trattasi di coniuge, parente o affine entro il terzo grado dell'imprenditore, in qualità di coadiutore familiare, comprovata dall'iscrizione all'INPS.

E’ opportuno rivolgersi agli uffici comunale competente per verificare l’esistenza di specifiche ed ulteriori richieste.

GESTIONE PREVIDENZIALE ED ASSISTENZIALE

Iscrizione Inps alla gestione artigiani e commercianti. Per l’anno 2013 i contributi da versare sono dettagliatamente indicati dall’INPS nella circolare n. 24 del 8 febbraio 2013. E’ importante tenere presente che l’INPS, per i commercianti, prevede il versamento di un contributo fisso annuale (da versare in rate trimestrali) considerando un reddito minimo di € 15.357,00. Significa che anche se il reddito è inferiore a questo limite il contributo Inps è comunque dovuto.

Artigiani Commercianti
titolari di qualunque età e coadiuvanti / coadiutori di età superiore ai 21 anni 3.347,59 (3.340,15 IVS + 7,44 maternità) 3.361,41 (3.353,97 IVS + 7,44 maternità)
coadiuvanti / coadiutori di età non superiore ai 21 anni 2.886,88 (2.879,44 IVS + 7,44 maternità) 2.900,70 (2.893,26 IVS + 7,44 maternità)

In sintesi, per la parte che ci interessa, i contributi dovuti dai commercianti (così è qualificato dall'Inps l'imprenditore che gestisce il proprio bar) sono pari ad euro 3.361,41 da versare in rate trimestrali di euro 840,35 alle seguenti scadenze.

16 febbraio

16 maggio

20 agosto

16 novembre

Concludendo possiamo dire che l’apertura di un negozio di alimentari, in questo periodo di crisi, può portare a risultati economici adeguati a patto di riuscire a stimare con chiarezza i costi iniziali e ricavi futuri.

Per maggiori informazioni e assistenza

contattaci